HomePage — Farmacia e Biotecnologie - FABIT

Ambiti di ricerca

Ambiti di ricerca

Un percorso attraverso gli ambiti, i progetti e i gruppi di ricerca dove nascono e si sviluppano nuove conoscenze. Scopri le attività di ricerca e di innovazione scientifica dei ricercatori del dipartimento.

Notizie

Il principio attivo che aiuta a smettere di fumare

UniboMagazine

Il principio attivo che aiuta a smettere di fumare

Un farmaco comunemente prescritto per la terapia del diabete di tipo 2, riduce in modo significativo in modelli animali i sintomi tipici di astinenza da nicotina, sia fisici che emotivi. La scoperta potrebbe portare a nuove terapie utili per combattere la dipendenza dal fumo di sigaretta

Dottori di ricerca Unibo soddisfatti: la qualificazione professionale è un valore aggiunto

UniboMagazine

Dottori di ricerca Unibo soddisfatti: la qualificazione professionale è un valore aggiunto

Presentati al Senato Accademico i risultati dell'indagine 2019 sulla condizione occupazionale dei dottori di ricerca dell'Alma Mater. Positivo il quadro generale che mette in luce la soddisfazione dell'esperienza professionale, formativa e retribuita

Anti-doping: l’Alma Mater rinnova la promessa di nuove analisi all’avanguardia

UniboMagazine

Anti-doping: l’Alma Mater rinnova la promessa di nuove analisi all’avanguardia

Risultati sempre più sicuri e a prova di controanalisi, con un occhio di riguardo alla tutela, alla privacy e all’integrità degli atleti: è l’obiettivo a cui punta il gruppo di ricerca del PTA Lab dell’Università di Bologna, grazie a un nuovo finanziamento della World Anti-Doping Agency

Alcune vescicole extracellulari possono ridurre la diffusione dell’HIV

UniboMagazine

Alcune vescicole extracellulari possono ridurre la diffusione dell’HIV

Quelle rilasciate da alcuni batteri presenti nel microbiota vaginale interferiscono con la capacità di azione del virus. La novità – testata con una serie di esperimenti su colture di tessuti umani – potrebbe portare a nuove strategie per ridurre la diffusione della malattia da uomo a donna

Torna su